3740 visitatori in 24 ore
 133 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



franca merighi 42

Franca Merighi

Sono nata a Milano, per caso, perché i miei genitori e tutta la mia famiglia sono di Bondeno (Ferrara). Avevo solo 5 anni, quando emigrammo tutti in America, nel bellissimo e prospero Venezuela, che ora purtroppo non è nemmeno l’ombra di quel paese meraviglioso che ci ha accolto con amore, dove sono ... (continua)


La sua poesia preferita:
The way I miss you
Although you’re
in my heart,
I miss you
Although you’re
present in my life,
I miss you
I miss the air you breath,
the water you drink,
and the sun that warms you.
The stars, the moon the sky,
that are above you
I miss them too!
Even the words...  leggi...

Nell'albo d'oro:
It seems to me
When I hear the wind
blowing so strongly
it seems to me you’re here!
.
When the clouds move so quickly
and change the...  leggi...

Tu y yo
Caminamos en la vida
por diferentes senderos
y aunque pasen mil años
jamás nos encontraremos.

Somos como el mar y el cielo,
como la luna y el sol,
tu tan alta en tu riqueza,
yo tan pobre con mi amor.

Me miras de arriba a abajo
para ti soy un...  leggi...

Triste realtà
Mille volte la mia penna
lontano vorrebbe andare
ma non può continuare
ad ogni tratto tentenna...

La tristezza padroneggia
nell’intimo del mio cuore
e fuggire da lei vuole,
mi ferisce, mi danneggia

Mentre scrivo, mi dispero
la difficoltà mi...  leggi...

Fantasia morente
Sono ferite le ali della fantasia,
ella è inerte, non può più volare,
chiusa in se stessa, senza l’allegria,
sperando che qualcosa la faccia risvegliare...

Era agile, saltava in mezzo ai prati,
felice percorreva laghi e fiumi,
ora, non si muove, e...  leggi...

Sognar di sognarti ancora
Vorrei tanto sognarti,
avere l’illusione
d’incontrarti veramente,
di sentire la tua mano
che sfiora la mia mano
la tua vicinanza ardente
il tuo profumo inebriante
la tua voce suadente...
Il suono delle campane
mi desta di soprassalto
sognar di...  leggi...

Notte Santa
E’ nato un Re
in una stalla,
è nato povero
e senza culla,
Che regno strano:
senza uno scettro
senza corona,
senza un nonnulla...
Ma tutti vanno
ad adorarlo,
quel bimbo povero
quel bimbo bello.
E quella notte
la Notte Santa
un dolce...  leggi...

Lo leo en tus ojos
Aunque me digas
que no me quieres
lo leo en tus ojos bellos
que cada vez que me miran
me mandan miles destellos
y me dicen claramente
que algo por mi tu sientes...

Te quiero cerquita de mi
como la arena y el mar
como la abeja y la flor
yo,...  leggi...

Parole inutili
Queste parole spazzate via dal vento,
inutili parole senza frutto
come tristi campane che suonano per lutto
come le notti...  leggi...

Cobardía
Cuantas veces he probado
a decirte que te quiero
pero me falta el valor
porque arriesgarme no puedo...

si me rechazas me muero
de sufrimiento y de pena
por éste amor que me quema
y me consume por dentro...

Lo sé, es una...  leggi...

Fuego en la Tarde
Atardecer de fuego
anaranjados y rojos
como pinceladas
que se mezclan con armonía
entre el mar y el cielo.

Esa luz maravillosa
que se refleja en tus cabellos
y que enciende tus mejillas
y despierta mis deseos.

Mágicos...  leggi...

Come le foglie in autunno
Come le foglie in autunno
sbattute qua e là dal vento
sollevate a volte, imprigionate altre
così sono io, così mi sento...
Come dentro a un mulinello
che non si ferma mai
giro, giro, senza meta, e il mondo
mi appare più...  leggi...

Franca Merighi

Franca Merighi
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
The way I miss you (17/08/2017)

La prima poesia pubblicata:
 
Come le foglie in autunno (31/10/2015)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Al calar del sole (03/03/2024)

Franca Merighi vi consiglia:
 Parole inutili (08/11/2015)
 Con pluma y papel (30/05/2017)
 Anche così si muore (27/08/2017)
 Autumn with you (23/09/2017)
 Quando sbocciano le viole (18/02/2020)

La poesia più letta:
 
Cobardía (12/01/2016, 11088 letture)

Franca Merighi ha 11 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Franca Merighi!

Leggi i segnalibri pubblici di Franca Merighi

Leggi i 522 commenti di Franca Merighi


Leggi i racconti di Franca Merighi


Autore del giorno
 il giorno 13/02/2020
 il giorno 13/02/2020
 il giorno 29/08/2019
 il giorno 17/06/2019
 il giorno 15/05/2019
 il giorno 02/05/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019

Autore della settimana
 settimana dal 19/11/2018 al 25/11/2018.
 settimana dal 21/08/2017 al 27/08/2017.

Franca Merighi
ti consiglia questi autori:
adriana sini
 Alberto De Matteis
Umberto De Vita
 poeta per te zaza
Mariasilvia

Seguici su:



Cerca la poesia:



Franca Merighi in rete:
Invia un messaggio privato a Franca Merighi.


Franca Merighi pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

La finestra davanti a casa

Amore

LA FINESTRA DAVANTI A CASA - (RACCONTO COMPLETO)

Avevo una sorella più grande di me di dodici anni, lei si era sposata, ed io ero rimasta praticamente come figlia unica: coccolata, riverita e viziata, e mio padre chissà quali castelli in aria si era fatto su di me, pensava sicuramente che un giorno, un bellissimo giovane laureato, di buona famiglia, pieno di soldi, sarebbe venuto a bussare alla porta di casa nostra, con una scarpetta di cristallo in mano, per sapere se mi calzava, e portarmi via con se nel suo castello come nella favola di Cenerentola!

Si, perchè ormai avevo diciotto anni, e non avevo amici del genere maschile, non ero mai andata ad una festa, non potevo uscire da sola, ero sorvegliata come un detenuto a vita, e persino all’ Istituto dove andavo a studiare lingue, ero accompagnata da mia madre! L’ unico posto dove potevo andare da sola era a messa la domenica, almeno là, mi lasciavano pregare in pace!

Mio padre era un uomo molto lavoratore, ma molto esigente e duro nel suo modo di gestire la famiglia. Guai se mia madre fosse stata in ritardo col pranzo o la cena, guai se una camicia non fosse stirata alla perfezione; in casa nostra tutto aveva orari e regole, come in un collegio svizzero, e non diciamo cosa succedeva se per caso lui tornava a casa prima del solito e non ci trovava, cascava il mondo!!! Era un genitore attento con tutto quello che avrei potuto desiderare, tutto, tranne quello di lasciarmi un po’ di libertà. Il suo comportamento era ossessivo, paranoico, e ci teneva a me e la mamma in un guscio che a volte ci soffocava entrambe. Ma la mamma, per paura delle sue violente reazioni, non mi concedeva nemmeno lei un respiro, finchè un giorno...

Venne a lavorare proprio di fronte a casa mia, un giovane, bello si, ma né laureato, né di buona famiglia (era solo, non sapevo da dove venisse...) nè con soldi, né tantomeno era il tipo da bussare a casa mia con la scarpetta di cristallo in mano: lui le scarpe le faceva, si, era un calzolaio, e dal suo modo di parlare si capiva lontano un miglio che era un “ terrone”, (come lo chiamavano i miei genitori) anche se non lo avevano mai voluto conoscere "quello là”, (come solevano riferirsi quando parlavano si lui) non andava loro proprio giù! Forse perche se ne erano accorti che il mio sguardo andava spesso a quella finestra da dove lui a sua volta, mi guardava.

Passarono i mesi, e quella finestra divenne per me, l’ unica ragione di vita. Se un giorno qualsiasi non lo vedevo, mi sentivo immensamente triste. Non vedevo l’ ora che arrivasse il mattino, alle otto lui si sedeva davanti alla sua macchina da cucire le tomaie delle scarpe, e ogni tanto alzava lo sguardo per incontrare immancabilmente il mio. Un mattino lui mi sorrise, che gioia! Avrei saltato, cantato di felicità, ma questo mio comportamento non sfuggì all’ occhio attento di mia madre che capì quello che mi stava succedendo e lo disse subito a mio padre. Figuriamoci lui! Sua figlia, “ la principessa”, che sorrideva a un “ terrone”, squattrinato, che cuciva tomaie di scarpe!!! Gridò allo scandalo, mi fece una paternale che durò due ore, e mi disse che se veniva a sapere qualcosa su di me, cioè, che io assecondavo “ quel tipo”, mi sarei pentita amaramente!

Ma, conoscete qualcuno innamorato, che abbia ascoltato mai, i consigli, (chiamiamoli così) dei genitori? E poi, non lo trovavo giusto, che ne sapevano loro chi fosse veramente quel ragazzo? Non lo volevano nemmeno sentire nominare!

Quel ragazzo, lo seppi quasi subito si chiamava Roberto, ed io lo sognavo ad occhi aperti e più mi proibivano de vederlo, si sa, più attratta mi sentivo da lui. La mia emozione non ebbe limiti quando una domenica lo vidi, bello, tutto ben vestito e pettinato, davanti alla chiesa! Credo che mi sentì male, il cuore voleva saltarmi fuori dal petto, non credevo ai miei occhi, finalmente avrei potuto parlargli. Mi si avvicinò, mi prese una mano, e più emozionato di me disse: credo che te ne sarai accorta che mi sono innamorato di te, vero? ...Mi sono sentita arrossire come un peperone, e solo fui capace di annuire con la testa. Poi feci una cosa che più tardi mi rimproverai mille volte, ma forse fu l’ emozione, non lo so, vero è che lo lasciai lì sul portone della chiesa, ed entrai quasi di corsa andandomi ad inginocchiare in uno dei banchi di fronte all’ altare, e ringraziai il Signore per quella gioia che mi aveva dato quel giorno, una gioia più grande di me!

Un’ altra volta fu, quando entrando all’ Istituto dove studiavo, lo incontrai già all’ interno, portava in mano un quaderno, per far credere che fosse anche lui uno studente, ci sorridemmo, ci salutammo, e dopo poche parole io dovetti entrare in classe e lui se ne andò.

Così, semplicemente, incominciò la nostra storia d’ amore, fatta di sguardi, sorrisi, parole dette in fretta e di nascosto, con la paura che mio padre ci scoprisse... passarono altri due mesi, col batticuore ogni volta che mi appariva da qualche parte, dove però, essendo sempre con mia madre non potevamo mai parlarci.

La fortuna venne in mio aiuto, perche io incominciai a lavorare, in centro, come segretaria di una grande azienda. Una mia cara amica, mi presentò un suo zio che cercava una segretaria, e mio padre questa volta non fece obiezioni, si sentiva orgoglioso del mio lavoro, dove usavo anche l’ inglese, e dove avrei guadagnato il mio primo stipendio. In principio per me fu un po’ dura, ma come in tutte le cose, quando incominciai a prendere confidenza col mio lavoro, diventai, a detta dello stesso zio della mia amica, la migliore segretaria che avesse mai avuto!

Ma io non pensavo al lavoro, ma alle opportunità che avevamo io e Roberto per vederci quasi tutti i giorni. Lui mi aspettava vicino a dove lavoravo, e da lì, presi per mano, mi accompagnava fino all’ entrata, poi, all’ uscita fino alla fermata del bus, e molte volte facevamo il tragitto sull’ autobus insieme, insomma sempre più spesso eravamo vicini, e molto furtivamente ci scappava anche qualche rapido bacio.

Roberto, dopo quasi un anno di sotterfugi per potermi vedere pochi minuti, mi disse che non potevamo più andare avanti così, e mi chiese di sposarlo! Io rimasi stupita, e allo stesso tempo immensamente felice, e con lo slancio dei miei vent’ anni, gli dissi di si, certo che lo volevo sposare! Ora però veniva la parte più difficile, io non me la sentivo proprio di affrontare mio padre, lui continuava con lo stesso atteggiamento verso Roberto, e, dopo tanto pensarci, decidemmo di sposarci in municipio senza dire niente a nessuno! Una mattina, vestita nel modo più semplice possibile, chiesi al mio principale un permesso per uscire, gli spiegai a grandi linee quello che stava succedendo, e lui molto comprensivo, mi disse di si. Fu una mattinata strana, avevo mille sentimenti dentro me, paura, incredulità per quello che stavo facendo, emozione, ma anche tanto dispiacere, mi sposavo senza nessuno della mia famiglia, eravamo solo io, Roberto, i due testimoni, (suoi amici) e il sindaco della città. Fu una cerimonia molto rapida, e dopo le firme tutto finì, ce ne tornammo, io al mio lavoro, Roberto al suo, e come se niente fosse accaduto, finito l’ orario lavorativo, me ne tornai a casa, col certificato di matrimonio nella mia borsa. Una volta a casa mi preparai per farmi una bella doccia. Ero sotto l’ acqua e mi stavo insaponando, quando incominciai ad udire delle urla, era mia madre, col mio certificato di matrimonio in mano e una crisi di nervi in atto! Non immaginavo che lei andasse a frugare nella mia borsa, che sospettasse qualcosa, e vestendomi in fretta e in furia chiamai un medico che consigliò a mia madre assoluto riposo e assoluta tranquillità!

Facile a dirsi. Tranquillità sopratutto! Cercai di spiegare a mia madre che io e Roberto non avevamo avuto altra scelta. Nè lei, nè mio padre avrebbero mai accettato nemmeno di farlo entrare in casa per lasciarlo parlare e noi ci volevamo sposare e che presto l’ avremmo fatto anche in chiesa. Mia madre piangeva sconsolatamente, dicendo delle cose insensate, e domandandosi come avrebbe fatto a dirlo a mio padre, se la sarebbe presa con lei per non essere stata capace di evitare quel “ disastro”. Allora le dissi con una calma che stupì me stessa, che avrei parlato io con mio padre, che lei non c’ entrava niente, e che ero io sola la responsabile dei miei atti, diamine! Avevo ormai vent’ anni!

Mia madre si calmò subito, era tanto il terrore che aveva di mio padre che sentirmi parlare in quel modo la rinfrancò non poco. Certo, ero io adesso quella spaventata, come avrei affrontato il discorso? Come avrei incominciato a dirgli, “ Papà, mi sono sposata?” Ma le sorprese quella sera non erano ancora finite, anzi! Sentimmo il rumore della macchina di mio padre fermarsi davanti casa, i passi che salivano verso la porta d’ ingresso e la chiave che girava nella serratura. Ma mio padre non era solo! Roberto era con lui!!!! Io corsi incontro a Roberto e mi rifugiai nelle sue braccia forti, lui mi disse piano: "tranquilla, è tutto a posto!"

Nessuno parlava, un silenzio imbarazzato regnava nella piccola sala d’ ingresso, e fu proprio mio padre a romperlo schiarendosi la voce e dicendo: “ Sediamoci, mi pare che sia arrivato il momento di parlare, o no?” Parlammo, si, parlammo per tutto il tempo che non fu possibile farlo, a volte mi scappavano anche le lacrime, a volte alzavo la voce come arrabbiata, altre sorridevo guardando Roberto che cercava alla meglio di dimostrare a mio padre che poteva mantenermi con il suo modesto stipendio, io allora interrompevo dicendo che anch’ io lavoravo, e che in due ce l’ avremmo fatta! Mio padre ricordava a Roberto come ero stata cresciuta, come ero abituata, che lui non mi aveva fatto mancare proprio niente... Io interrompevo sempre mio padre, con forza e coraggio, volevo fargli capire che anche se non avrei avuto tutto quello che desideravo, mi sarei accontentata, che non tutto era materiale nella vita, che l’ amore, la felicità, l’ essere insieme, ecc. ecc. ecc. Come mi sbagliavo....non sapevo, non immaginavo.... quanta ragione avesse mio padre.

Arrivò il giorno tanto sperato, il nostro matrimonio in chiesa si sarebbe celebrato nella chiesa Parrocchiale, sarebbe stata una cerimonia molto semplice, pochissimi gli invitati: infatti io avevo solo cinque o sei amiche, Roberto uguale, la sua famiglia viveva in un altro paese, molto lontano, e non poteva essere presente, ci sarebbe stata mia sorella con la famiglia, mia zia, e i miei genitori. Io ero vestita con un “ tailleur” bianco, semplicissimo, le scarpe in pelle laccata bianca, che mi aveva fatto Roberto, e una rosa bianca in testa che reggeva un piccolo velo bianco, e... dimenticavo! Il bellissimo bouquet di fiori bianchi freschissimi che mi aveva regalato mia sorella... Non mancava niente, era ora d’ incominciare la cerimonia, ma i miei genitori non apparvero. Seppi più tardi, che mio padre aveva avuto un incidente con la macchina, niente di grave, ma l’ avevano portato all’ ospedale per accertamenti e mia madre era andata con lui.. Era vero? Non vero? Non lo seppi mai, però il dubbio non mi lasciò più.

Dopo due mesi, aspettavo già il mio primo figlio, per me a dire il vero, troppo in fretta, avrei preferito aspettare almeno un anno per abituarmi alla vita matrimoniale, tanto più che io, non avendo avuto fratelli nè sorelle piu piccole, non sapevo nemmeno da dove incominciare a badare un neonato! Il parto fu molto difficile, le notti che seguirono insonni, mio figlio piangeva in continuazione, non avevo il mio latte da dargli e incominciò l’ odissea dei biberon: il latte che non andava mai bene, le coliche del bambino che stava male e faceva stare male anche me, insomma, incominciai ad avere segni di ansia e depressione. Roberto nel frattempo aveva cambiato lavoro, ora portava il caffè in grano, ai bar e ristoranti della città, si alzava alle cinque del mattino e con un furgone andava avanti e indietro in mezzo al traffico e distribuiva questi pacchi fino a sera. Tornava a casa stanco, distrutto, e non aveva certo voglia di sentire le lamentele di una moglie che, dopo tutto, non aveva altro da fare che badare alla casa e al figlio. Avevo lasciato il mio lavoro, perche non mi conveniva pagare una persona che badasse al nostro bambino.

Non so come successe che mi ritrovai incinta per la seconda volta. Roberto mi disse che era stato attento, ma evidentemente non abbastanza! Anche questo parto fu difficile, e la cosa si complicò enormemente quando il bambino incominciò a soffrire d’ asma bronchiale. Io non ce la facevo più fisicamente, l’ ansia peggiorava ogni giorno di più, e arrivò il momento che incominciai ad avere degli attacchi di panico. Ero diventata completamente inutile, non riuscivo più a fare niente e nemmeno a badare ai miei bambini, tremavo e piangevo, non dormivo, non mangiavo, arrivai a perdere una decina di chili, finchè un giorno caddi a terra svenuta e mi dovettero ricoverare. I bambini li prese mia madre, ma mi fece subito capire che con il carattere di mio padre non poteva tenerli troppo tempo. Mi mandarono da uno specialista, uno psichiatra, che mi mandò subito un sacco di medicine, antidepressivi e ansiolitici, che mi facevano stare come uno zombi, non riuscivo ugualmente a fare niente, stavo malissimo, e non si vedeva segno di miglioramento.

Mia madre, vedendo che le cose stavano precipitando, venne a stare da noi per un periodo di tempo, sperando di potermi aiutare. Faceva tutto lei, badava ai bambini, cucinava, lavava, puliva, e Roberto faceva il suo lavoro senza fermarsi un solo giorno, ma si preoccupava poco di tutto il resto. Questo mi dava molto fastidio, io avevo bisogno di lui, avevo bisogno della sua presenza, del suo appoggio morale, ma arrivava a casa, si faceva la doccia, mangiava e si metteva a dormire! Mia madre non perdeva occasione per dirmi quello che pensava di Roberto, e la cosa mi dava tremendamente sui nervi, anche se lei per me, era la mia salvezza.

Nel frattempo mio padre, che era rimasto “ solo” da alcuni mesi, si era subito “ consolato” e aveva preso una cameriera factotum che molto presto gli diede un figlio. Ma che bel quadretto familiare! Mia madre, che lo conosceva benissimo da una vita, non si scandalizzò più di tanto, e decise a malincuore di trasferirsi definitivamente da noi, visto che io stavo ancora male.

Passarono dieci lunghi anni. Io stavo meglio, la depressione era sparita, ma mi era rimasta dentro una gran tristezza e delusione. Mio marito non cambiò mai atteggiamento; le decisioni importanti, la scuola dei ragazzi, le malattie da gestire, i problemi della casa, tutto insomma, li gestivo io. Materialmente non ci fece mancare mai niente Roberto, guadagnava abbastanza bene e i soldi erano sufficienti, ma mi mancava l’ essenziale, mi mancava la complicità che normalmente c’è tra marito e moglie, mi mancava la tenerezza, mi mancava chi mi facesse sentire una donna, non come casalinga, madre, infermiera, segretaria, ecc, ma una donna come compagna, moglie, amante, amica... In tutti gli anni che siamo stati insieme, mai una volta che si fosse ricordato del mio compleanno, dei nostri anniversari di matrimonio, di nessuna ricorrenza importante, per lui erano cose senza importanza; e così, piano piano, mi allontanai da lui emotivamente, sentivo che avevo perso tutto quello che avevo sognato in lui, o meglio, non l’ avevo mai avuto, e mi sentivo troppo giovane ancora per rinunciare alla vita.

Un giorno, scrissi una lunga lettera, la misi in una busta e la lasciai bene in vista sopra il suo comodino. Gli dicevo addio, me ne andavo! Dove? Non so....ma volevo andare via, lontano, sparire, per sempre....

f i n e


franca merighi 42 01/08/2017 12:34 1166

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Successiva di franca merighi 42Precedente di franca merighi 42

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:

È stata una grande emozione leggere il tuo (Sara Acireale)

bellissimo racconto... (Sara Acireale)

Letto con grande piacere.Bello (Anna Rossi)



Vedi i racconti di franca merighi 42:
nella categoria:
dell'anno:
















Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Amore
Era un giorno di pioggia
Lacrima d’amore
Per nulla al mondo ti abandonero’
Angela
Fiamme d’amore
Sei il mio angelo ritardatario
Non ti lascerò andare via
Mare anni Sessanta
Naufraghi
La mia Domenica
L’anello con brillantino
Sogni di gioventu’
Voglio credere in te - (Seconda parte)
Voglio credere in te
Freddo dentro al cuore
Tu sei la mia ispirazione
Cenerentola al contrario
Non mi mancava niente
Indipendenza e Amore
Per sempre unica
Ti conosco troppo bene
All’improvviso
Sacrificio d’amore
La finestra davanti a casa
Biografie e Diari
Quel piccolo finestrino
Era il 1942
Comicità e Satira
Tesoro, io lavoro!"
Dramma
La mia vita cambiata
Disperazione silenziosa
Sei vecchia, devi ubbidire!
Lasciami vivere
Quell’ amore lontano
Quando i soldi non servono
Passi nel buio
Erotismo e per adulti
Due cuori alluvionati
Fantasy
Non era facile per niente
Non so chi sono
Gelato indigesto
Soffitta magica
Non è un classico!
Sono una parte di te
Stupida gelosia
Il figlio ritrovato
Una ragazza nel parco
C’era una volta
Gelosia
Incontro colpevole
Standing ovation
Una storia come tante
Un amore impossibile
La mia notte brava
La scatola d’argento
Non tutti i mali vengono per nuocere
Poteva andare peggio
Una vita perfetta
Il coraggio di cambiare
Orgoglio ferito
Wanda
Giallo e Thriller
ORE Di ANGOSCIA
Notte d’orrore
Luigi e Maddalena
Una serata tranquilla
Ragazzi
Tutti i fiori del mondo non basteranno
Tutti i fiori del mondo non basteranno
Gioco pericoloso
Una vita sbagliata
Voglia di libertà
Autunno da dimenticare
Noia
CRESCERE PER FORZA (seconda e ultima parte)
Crescere per forza
La miglior tesi
Fiaba di Natale
Una ragazza "difficile"
Sociale e Cronaca
Bugie
Un profumo particolare
Due amiche virtuali
Spiritualità
Don Filippo

Poesie

Acrostici
Speranza
Amicizia
Amica mia
Como una orquídea
Mi amigo optimista
"Alzheimer"
Amore
Lejos contigo
Tremo, ma d’amore
Callecita
Autunno con te
Mentire a me stessa
Raccontami il tuo sogno
Filo d’Argento
Uno scrigno prezioso
Vorrei
Rimaniamo in silenzio
Ritorna
Da lontano
Vuelve a ser la que eres
Un raggio di sole
Amori che si spengono
Senza l’amore di qualcuno
Believe me
Nuestro Tango
Sogno d’amore
Davanti al mare
Si me preguntas
Smile for me again
Let me
Amore tardivo
Cose della vita
Kiss me so much
Amami oltre la notte
Attimi sublimi
Amore di una notte
La forza del vento
Colori indefiniti
I tuoi versi d’amore
Parlo ancora di te
Convincimi che mi ami
Te regalaré la calma
Mazzolin di fiori
Luci della notte
Un lampo senza rumore
No puedo quererte
Autumn with you
The way I miss you
Bailé contigo soñando
Con pluma y papel
Olvido
Ahora es tarde
Ventana complice
Un detto sbagliato
Like a tattoo
Tell me how
Finished love
It seems to me
Eres mi tesoro
No me niegues tu amor
El color de tus ojos
Buona Fortuna Amore
Sognar di sognarti ancora
Cobardía
Fuego en la Tarde
Lo leo en tus ojos
Anhelo
Rimpianto
Brevi
Vivo di ricordi
Ore rubate
Due farfalle
Profumo di Viole
Ascoltami Dio
Baishù
Comicita'
Mai sentito un caldo così
El Viejito
Una nonna tecnologica
Cronaca
Nevicata eccezionale
Dialettali
Confetti in vista
Giovanile, ma non troppo
L’omo ar parco (ultima parte)
L'omo ar parco (seconda parte)
L’omo ar parco
Er fusto
Tirete su
Donne
Davanti allo Specchio
La passerella
Occhi spenti
Ladra d’amore
Dammi la tua mano
Davanti alla chiesa
Algún día será
Donne Donne Donne
Si me voy primero
Inganno
Ti conosco Mascherina!
Mentirosa
"morenita"
Erotismo
Pasion por ti
Famiglia
Mio marito in pensione
Eri piccola
A ti, hija (A te, figlia)
Grazie, oh madre!
Caparbieta’
Non temere
Tenebre
Tenerissimo amore
Non aspettare
Entre mis brazos
Gratitudine
Ricordi amari
La tua vita dietro a quella porta
Cuatro coronas
Fantasia
Filastrocca della befana
Che bella novita‘!
Tante volte
Fantasie
Il fischio
La mia bambola
Non farmi questo, Dio!
Oh, vento
Vorrei
Fantasia d’amore
Briciole
Ora mi rendo conto
Adiòs
Amore nella cenere
Dove le tenebre non esistono
"Sola"
Fantasia dell’anima
Sogno i tuoi occhi
Poesia silenziosa
Momenti Perduti
Melodia Sconosciuta
Le rose del mio giardino
Ali spezzate
Una semplice Conchiglia
Make Room! (Fate largo!)
Una fata in mezzo al mare
Occhi verdi
Lo sabes mejor que yo
Frasi Consumate
Pobre diablo
Once I dreamed
Un cuento de Hadas
Gatto innamorato?
Luna traviesa
Tu y yo
Festivita'
Epifania del Signore
E lo chiamiamo Natale
Una strada bianca
Fiabe
La luna y el rio (Con traduzione)
E’ ora di smetterla!
Haiku
Baishù 6
Baishù 5
Baishù 1
Baishù 4
Baishù
Pasqua HAIKU XXII
Haiku XXIII - fredda primavera
Haiku XXII
Haiku xx
Natale - Haiku XIX
Haiku XVIII Sonno Profondo
Defunti - HAIKU XVI
Haiku XV (Il pianto di una madre)
Haiku XIV
Haiku XIII
Haiku XII
Haiku XI
Haiku X
Haiku IX
Haiku VIII
Haiku VII
Haiku VI
Haiku V
Haiku IV
Haiku III
Haiku II
Haiku I
Impressioni
Ti vedo in ogni luogo
Versi perduti
Il volo dell’anima
Catastrofe
Dov’è lo sbaglio?
Ruidos en la noche
Testa vuota come una zucca
L’ora del crepuscolo
Giri di parole
Aspettando
Cinque minuti soltanto
Die for joy (Morire di gioia)
Malinconico tormento
Nulla sarà come prima
Non morira’ la memoria (Covid)
Tutto si paga
La luce del mondo
Non ci conosceremo mai
Ricordi di un ritratto
Musica nel vento
Il vento può cambiare
Guardare chi sta peggio
Poesia senza nome
Tiempo ido
Umore e Pioggia
Sei sempre tu
Non rivedrò più
Il vestito dell’inverno
Quando ti allontani da me
Altra spiegazione non c'è
La mia Musica
Le mie Stagioni
Almanaque de la Vida
Quaresima
"Quella Malattia"
Fantasia morente
Non è Lui!
Susurros
Cose belle e brutte
Amor vendido
Introspezione
Al calar del sole
Quando ti allontani
Crudele realtà
Non esisto
Prigioniero dentro me
Parole Silenziose
Ti voglio sognare
Ogni Giorno
Pesadilla
Pomeriggio autunnale
Vivo
Border Line
Mente vuota
Malumore
Profumo di rose
Tenebre
Delusione
Quello che resta
Quando non ci sarai
Lungo attimo
Uno ad Uno
Dove vanno le foglie morte
Agonia
Silenzio cupo
Anime Separate
Non serve a niente
Via nell’aria
Rebus
Implacabile orologio
Maledetta Insonnia
Un anno in piu’
I can’t remember you
Poeta non sono
Rimanere nel presente
"El Avila"
Bellissimi ricordi
Note ingarbugliate
Anche così si muore
Debolezza
Triste realtà
Brumas en mi mente
Un attimo soltanto
Non potevo!
Indifferenza
Paure Infantili
Signor parkinson
Wating for nothing
Non è Follia
Precipicio
Too old
Confusi Orizzonti
Muerte en el Corazòn
Insonnia
Serà la Primavera
Disinganno
Parole inutili
Come le foglie in autunno
Morte
Pesadilla o realidad?
Morire senza potersi abbracciare
La morte in sogno
La fine
Breve Giornata
Come un’ Aquila Reale
L'apatia, il destino, la morte
Te alcanzarè
Natura
Primavera pungente
Un quadro inimitabile
Cara pioggia!
Fresca leggerezza
Soffocante velo
Acqua Acqua Acqua
Il pane di domani
"Bella di notte"
Il colibrì
Ti aspettavo
Quando sbocciano le viole
Ci vorrebbe una via di mezzo
La màs bella entre las bellas
Comienzo del final
La farfalla
E’ esplosa la primavera
Pioggia
Gelosa della Natura
Strana Primavera
Dolce dormire
Artemisia
Semplicemente primavera
Ribellione
Lascia andare!
Nessuno sa
Quando finirà?
Cansancio (Con Traduzione) "Stanchezza"
Ancora e sempre PARKINSON
La cattiveria della gente
Come una spina
Ho perso le metafore
Tempo della morte invisibile
Siamo qui
Diversi
La mia nemica
Giocattolo rotto
La rabbia del Mare
La storia si ripete!
Lacrima Nera
L’ultimo tramonto
Pace, Pace, Pace
Violenza!
Quella pietra
Sudor mal pagado
La Cattiveria non ha limiti
Como Marejada
Riflessioni
Ti voglio bene o ti amo?
Inutile tentativo
Verrà quel giorno
Strano Luglio
Antes de que me vaya
La mia notte
La lotta continua
Arrivare all’aldilà
Quanti giri che fa la vita!
A cosa serve?
Niente sarà come prima
Amarsi è difficile
Pintando un cuadro
Anima vuota
Il mio vestito
Sentimento nascosto
Compagno indesiderato
Astro del cielo
Aliena
Non farmi male
Incubo Infinito
Il vento ti porta da me
Ascoltami...!
Denso Fumo
Perderti un domani
Una Domenica al mare!
Stanchezza
Ahora que estás aquí
Piccolo paese
Niente è più come prima
Benvenuto Oblio
Beati quelli che soffrono
Anno di speranza sotto l'albero
Silenzio
¿Adònde estabas?
Agonia
Amor Canoso
Un lugar que no existe
Quel sogno nel cassetto
Callecita
Adolescenza
Carnevale della vita
Satira
Un gringo en Roma
Dall’ odontoiatra
Ya està bueno! (CON TRADUZIONE)
Sociale
La Privacy
E noi li lasciamo morire
Los niños de Venezuela
Tempi Moderni
El principio del final
Quando sarà tutto finito
La incertidumbre en el mundo
Silencio cobarde
Quando le lucciole non volano più
Pesadilla
Sono nostri fratelli
Senza Colpa
Senza tornaconto
ì No me llore Compadrito!
Tierra mia
Paese in rovina
Senza Pace
¡Que te hicieron Venezuela!
Spirituali
Misericordia io ti chiedo
Il quarto sigillo
Vedo un Arcobaleno
L’ultimo Viaggio
Yo te ruego Virgencita
Le rose di maggio
So che ci sei
Grazie!
Canto di Gioia
Dubbi e domande
La tua Preghiera
Tu Presencia
Notte Santa
My faith
I can't believe
Chiesetta abbandonata
Uomini
Inquietudine
In nome dell’orgoglio (orgoglio ferito)
Il tuo disprezzo
Fai come ti dice il cuore
Nunca lo sabràs


Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2024 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it